Tag

, , , , , , , , ,

Carissimo, un po’ ti compatisco.
Una volta i film per supereroi erano il tuo feudo assoluto: uomini virilissimi, fighe astronomiche, esplosioni, drammi umani affrontati con piglio risoluto dal protagonista.

Poi è arrivato il 2000, alla Marvel è entrata gente poco raccomandabile dal tuo punto di vista, alle tettone pian piano si sono affiancati tipini dalle tutine un po’ troppo aderenti e poi arrivano i Runaways e i Giovani Vendicatori. Eh. E poi la Disney e tu sei entrato in lutto.

Magari a te della Marvel non te ne frega ‘na ceppa, e volevi il tuo film macho, ma niente, ormai non passa film senza che nel cast i protagonisti siano interpretati da gnocchi stratosferici (secondo la tua fidanzata, che tu non li esprimi giudizi sull’avvenenza maschile) e che ci siano sempre scene in cui anche il più forzuto di loro si comporta come una donnetta e la tua, di donna, sospira languida.

UOMO! Io ti dico, VA CON FIDUCIA, nonostante la schiera di FIGHI DELLA MADONNA che popola The Avengers, diretto da Joss Whedon (che sennò in regia mi cazziano). Ma siccome io c’ho una vagina e tu della mia sola parola non ti fidi, accoppiato con la guida galattica per cinetelespettatrici alla ricerca del loro lui di Dolores, ti voglio fornire qualche pratico esempio. Che tanto la mia recensione non l’avresti letta.
Chris Hemsworth action figure

GIF DI THOR VIRILE, va come sono benintenzionata.

  1. BOTTE DA ORBI
    E’ sempre stato un po’ il problema dei film Marvel. Supereroi che parlavano, limonavano, si facevano gli sguardi languidi, avevano superproblemi per superesponsabilità ma di menarsi per più di tre minuti manco a parlarne. Non a caso il film con meno cazzotti in assoluto era Xmen First Class e daltronde tutti noi sappiamo che quello non era il punto della pellicola dedicata alla sofferta storia d’amore omosess…dicevo. In The Avengers tempo che ti spiegano due cosine della trama e attaccano a menarsi, distruggere città, ESPLOSIONI, bombe, pim pum pam, tutti feriti e sudaticci, mosse letali di arti marziali che non ti dico, fatte da Scarlett con una mise supersexy. Si menano tutti con tutti: Avengers contro Avengers, Avengers contro Alieni, Avengers contro Loki, Hulk contro tutti per il solo gusto di farlo. Insomma, i 20 minuti conclusivi contemplano solo botte, ma divertenti. Ci sono anche le sparate della madonna tipiche del genere, tipo Occhio di Falco che tira le frecce da dietro senza guardare. Ci sono i classici “spara spara CI STANNO MASSACRANDO!“, ci sono i poliziotti che muoiono male. E soprattutto c’e’ il pezzo in cui gli Avengers si menano tra loro perchè NON si capiscono.
  2. CLOSE UP SUI CULI DELLE PROTAGONISTE
    Sì, la pellicola è piena di figazzi pazzeschi ma non è che la Vedova Nera e Maria Hill siano da meno, nosignore. In particolare la cara Scarlett c’ha un paio di combattimenti in mise molto sexy, la tutina attillata e un personaggio con una vera trama attorno che giustifica ampiamente la sua entrata in scena tipo, con inquadratura da dietro. E siccome ha un sacco di trama annessa, non vi sentirete manco troppo in colpa se le date una controllatina generale, per vedere come sta. Maria Hill un po’ meno, ma le inquadrature da dietro e la tutina anatomica ce l’ha lo stesso, quindi grasso che cola.
  3. NON LIMONA DURO NESSUNO
    Tempo stimato totale per romanticherie: 4 minuti netti, Pepper è più impegnata a far innervosire il suo Tony Stark che a sparare seriamente romanticume. E ha dei pantaloncini conrtissimissimissimi, se siete fan del genere stecchetto. Lo so, lo so, state pensando che nel gruppo c’e’ la Vedova Nera e quindi prima o poi batte chiodo…poi, nel prossimo film. Potete star tranquilli che qui non parte il dramma romantico e quel poco che c’e’ è molto, molto sottile.
  4. CI SONO UOMINI VERI IN CUI TI PUOI IDENTIFICARE ANCHE SE LA TUA TIPA LI SHIPPA
    Te lo dico col cuore; solo se hai dei problemi seri tipo la sottoscritta puoi vederci delle cose. Ok, alla fine c’e’ un chiaro riferimento alla mitica scena di quando Captain America fece la CPR a Tony Stark e noi tutte urlavamo “E’ UN BACIO INDIRETTO, DAI, LO STA PRATICAMENTE LIMONANDO!” ma devi essere veramente consapevole della cosa per cogliere. Anzi, potresti fare il cavaliere e mostrare questa alla tua lei fangirl perchè tu voi che anche lei sia felice.
    Per il resto, come Dolores spiegava, si tratta di 5 prototipi di uomo tipo, ma non solo per LEI, anche per LUI! Se sei un pezzo di pane, guarda al Cap (magistralmente NON intepretato da Chris Evans e dopo aver visto questa gif sono in panico perchè non posso nemmeno dire che è un CANE, visto che questo cane è decisamente più espressivo di lui, DANNAZIONE!) o a Hulk (vedi punto successivo), se la tua possenza sopravanza di molto il tuo acume/ ti piace il surf Thor illuminerà col suo biondo ossigenato la tua via, se ti senti supereroe allo zero percento guarda con fiducia a Jeremy Renner e al suo sedere plastico al suo Occhio di Falco. Se invece odi il mondo e ti senti incompreso e non hai ancora trovato lo shampoo che fa per te, c’e’ Loki.
  5. HULK
    Che è il personaggio preferito dall’universo maschio e ha legioni di fan che devono subire la presenza costante di fricchettoni, mingherini o PEGGIO, gente dalla dubbia sessualità. Hulk non solo c’e’ in questa pellicola e non è marginale. Non solo Mark Ruffalo interpreta alla perfezione l’uomo che tutti vorremmo come amico perchè ci pensa a noi ma che ha quel piccolo problema di controllo dell’ira. Hulk è fondamentale e viene ribadito a più e più riprese quanto sia centrale allo svolgimento della vicenda. Sì, il vostro idolo, non qualche supermetrosexual! La sua versione verde è anche discretamente realizzata e poi si capisce che è forte! Ma davvero, dà proprio l’idea di uno che SPACCA in una maniera pazzesca! Le dà di santa ragione persino a Thor, che ovviamente ride come un fesso.
    Sarà bellissimo, perchè per una volta tu e la tipa sarete concordi nel dire che Hulk è veramente un gran figo e sarà veramente appagante.

    Se non hai la tipa, fai conto di aver di fianco me come tua vagina-carrier buddy che ti tira delle gran pacche sulle spalle. Sorvolerò anche sulle occhiate che stavi tirando la balcone di Scarlett, per questa volta.
    L’importante è che tu ci vada e RICORDA! non lasciare la sala prima della scena dopo i titoli di coda (che se non la capisci, come la sottoscritta, poi te la spiego)!

Annunci