Tag

, , ,

Con questo lungo comunicato, Giuseppe Lippi ha finalmente annunciato lo sbarco delle storiche collane Urania (quelle dedicate alla fantascienza, quelle mensili, quelle che si trovano solo in certe edicole e solo se siete particolarmente sgamati) su piattaforme elettroniche. Ovvero venderanno le versioni ebook.


immagine dal portfolio di Franco Brambilla, illustratore ufficiale di Urania

Lasciatemi GIOIRE.
Ok, ora analizziamo in dettaglio l’annuncio e facciamo i criticoni, che ci riesce sempre discretamente bene

Cose che FIGATA!:

  1. Il prezzo –   2,99 euro al volumetto mi sembra un prezzo ragionevole e dignitoso. Se per Urania Collezione (UC) è nella norma, dato che si tratta di titoli classici anche parecchio datati, per Urania è invece mooolto interessante. Certo, non è che eventuali sconti futuri e il mitologico (almeno in Italia) 0,99 euro ci facciano schifo, ma contando che Mondadori è la casa editrice che inizialmente applicava prezzi pressochè identici tra copia cartacea e copia digitale, direi BEN VENGA.
  2. La reperibilità – Questo metterà mostruosamente alla prova le finanze di ogni appassionato e potrebbe aiutare *veramente* una riscossa della collana e del fandom. Verranno resi disponibili anche i vecchi titoli, diritti permettendo. Per chi ha cercato per *eoni* titoli come Un cantico per Leibowitz non può che essere una buona notizia. Inoltre i file saranno acquistabili da Amazon, Ibs e Bol, quindi ci sarà l’imbarazzo della scelta anche per quanto riguarda le piattaforme.

Cose che MEH!

Questa rivoluzione, che avverrà nell’anno del sessantesimo compleanno della nostra musa, e con tutta probabilità nei prossimi mesi estivi, segna davvero una svolta epocale e mantiene “Urania” al passo con i tempi che corrono.

  1. Lo sperculamento – sono *anni* che i fan chiedono ad Urania il Salto, altro che “al passo coi tempi che corrono”! La verità è che ci si è paraculati in attesa di tempi migliori, del sederino riparato e all’asciutto, mentre si poteva rischiare di più già da un pezzo. La diffusione dei lettori ereader? Dico, ma lo conosco il loro target di ultrappassionati, spesso anche di tecnologia? I lettori di Urania probabilmente si contano nell’ordine di un paio di migliaia MASSIMO quando va proprio bene bene bene bene (e qualcuno direbbe che sono ultra ottimista io!), sparsi sulla Penisola, spesso costretti a pellegrinaggi per trovare una collana poco distribuita e poco conosciuta dagli stessi edicolanti.
    Un target strettissimo ma molto fedele, una lettura di genere ma con possibilità (per alcuni titoli) di ampliare il suo bacino lettori, essendo mensile ancora più appetitosa in versione app o abbonamento. Questo è un pubblico da ebook, da definizione. In questi anni in molti hanno lasciato per via della difficoltà di reperimento, per l’aumento dei prezzi e la qualità dei titoli non proprio eccelsi (se non per le pigliate per il culo tipo il trasbordo di Epix ovunque). Non sono un’addetta del settore, ma quando la gente *ti supplica* di avere un formato elettronico ed è pronta a dare agli strozzini di seconda mano cifre folli per libri per cui ci potresti guadagnare tu, magari il Salto potrebbe avvenire anche *prima* di vere e proprie case editrici, che magari rischiano di più.
  2. Incognite sul futuro – E’ già stato specificato che, dato che la versione cartacea continuerà ad esistere (per ora), quella digitale sarà identica. Domanda: perchè? Perchè nella versione digitale devo sorbirmi i tanto vituperati tagli e riassuntini quando il vincolo del numero di pagine non è un problema? Spero si arrivi presto ad una soluzione in questo senso.
  3. Annuncio e basta – No, non è che ora è stato annunciato il Salto e si può andare a scaricarsi il nuovo numero di Urania. Per ora c’e’ l’annuncio e basta, si parla di “estate 2012”. Speriamo. Intanto io mi terrò lontana dalle edicole, perchè attendevo questa notizia già da un po’ e ho tutta l’intenzione di saltare direttamente al formato elettronico.
  4. DRM – Per un secondo ci avevate sperato, vero? Niente.

    Il punto positivo è che Lippi promette ulteriori chiarimenti prossimamente, sul blog.
    Vedremo.
    Per il momento sembra una discreta figata con qualche incognita qua e là.

Annunci