Tag

, , , , , , ,

IMPORTANTE per voi tutti i miei cari spilorci che “eh ma il film che tanto hai consigliato me lo scarico perché andare al cinema costa troppo!”, ma anche per quelli che al cinema invece ci vanno ma che non gli dispiacerebbe spendere qualcosa meno (o vedere qualche film in più, se siete come me XD).

FESTA DEL CINEMA - DAL 9 AL 16 MAGGIO 2013
per tutte le info del caso QUI (molto consigliato!)

…ma siccome so che vi pesa il dito sul tasto sinistro del mouse tanto quanto il sedere sulla sedia, vi faccio il solito sunto utile e vi accludo un paio di raccomandazioni.
Prima del cut scrivo la cosa essenziale: AL CINEMA A TRE EURO IN TUTTA ITALIA IN TUTTI I CIRCUITI PER UNA SETTIMANA.

Direi che posso ben spendere uno dei miei amati elenchi puntati:

  • Dato il periodo di magra per gli incassi italiani (o supposto tale, questo è tutto da vedere) (ciò non toglie che, pur con qualche perplessità, chi si vede i film ora al cinema senza più che plausibili scusanti a casa rimane sostanzialmente una merda) (e spero che prima o poi anche la vostra fonte di reddito sia scaricabile illegalmente) tutto il settore si è fatto questa pensata: dal 9 al 16 maggio il biglietto al cinema costerà 3 euro, TRE EURO, cinque per il 3D, CINQUE EURO.
  • L’iniziativa è valida per TUTTI i cinema italiani, sì, anche il vostro sotto casa.
  • L’iniziativa vale SOLO per alcuni film ora in sala, ma prima che facciate spallucce, vi invito a consultare l’elenco dei film coinvolti, che spazia in ogni genere possibile e con pellicole anche di sicuro appeal, non solo roba sfigata per fare finta di fare un’iniziativa seria. Inoltre l’elenco si sta via via allungando, quindi dategli un’occhiata anche nei prossimi giorni.
  • Vorrei spendere due parole sul fatto che il sito è curato ben oltre la media dei siti italiani in generale, ha una grafica gradevole, riporta tutte le informazioni necessarie, in maniera chiara. Insomma, si percepisce IMPEGNO.
  • Occhio, alcuni film sono disponibili sono per una giornata al prezzo sopracitato. Non fatemi gli schizzinosi: semplicemente escono il 16 maggio, l’ultimo giorno dell’iniziativa. Sotto le locandine dell’elenco, vi viene segnalato il periodo preciso di uscita e di promozione.
  • Qualche consiglio con recensione già postata: Iron Man 3 credo lo abbiate visto già tutti ma una rivisione a 3 euro (o una visione per gli scettici). Hansel&Gretel vale giusto 3 euro, però Gemma Arterton è sempre un gran bel vedere e se avete voglia di un film fracassone ma godibile, è quello che cercate. Di Effetti Collaterali vi ho parlato ieri e, se i precedenti di Soderbergh forse valevano appena appena questo prezzo, qui ci fate un’affare e vi vedete un bel thriller e una strepitosa Rooney Mara.
  • Consiglio meritevole di un punto a sé: Confessions di Tetsuya Nakashima (quello di Memories of Matsuko e Shimotsuma Monogatari, sbadatoni). Il primo che mi dice “Eh, ma è vecchissimo, vedere un film al cinema già uscito in dvd non mi va” lo pianto al muro (cosa peraltro già successa). Quante volte vi siete visti film ancora al cinema? Potreste rendere un po’ di quanto illecitamente sottratto e ringraziare Tucker Film che porta queste perle anche da noi. Che se tutti gli interessati le vedessero al cinema, magari ci vorrebbero meno anni per portarle da noi, beninteso. Se poi non l’avete ancora visto, non avete scuse. Lo stile è quello roboante di Nakashima, ma meno folle del passato, asservito a un’ottima storia di vendetta di quelle che agli asiatici riescono sempre benissimo, ma con molto altro tutt’intorno. Trattasi dell’adattamento di un successo letterario del Sol Levante, tra il giallo e qualcosa tra l’hard boiled e il più violento in generale. Ne esiste un’edizione italiana a cura di Giano Editore che vale la pena di leggere, soprattutto se amate il genere giallo molto violento. L’ambientazione inizialmente è prettamente scolastica, ma ci mette poco a ingranare e a dare spazio ad amare riflessioni sulla violenza, i giovani, sotto l’aspetto legale e sociologico. Sembra una palla, ma non lo è, anzi, è tutto meno che privo di emozioni. L’unica raccomandazione è di essere pronti: approccio giapponese è di quelli che ti getta nella depressione più nera. Siete avvertiti.
    Vi metto la trama più sensata rilasciata dalla Tucker:
  •  Thriller? Revenge movie? Dramma psicologico? Le catalogazioni sono tutte valide e, al tempo stesso, tutte superflue, perché il nerissimo Confessions travalica i generi. Il film è il racconto, struggente e glaciale, di un omicidio e di una vendetta che diventa la descrizione, feroce e spiazzante, di troppe vite bruciate. Una bambina viene trovata morta nella piscina di una scuola. La polizia archivia il caso come un incidente, ma la madre, l’insegnante di scuola media Yukio Moriguchi, non ne è convinta, e, una volta scoperti gli assassini, decide di farsi giustizia da sola. Questa scoperta e questa vendetta sono al centro di Confessions, un racconto a più voci di estrema bellezza formale, sospeso fra Bach e i Radiohead, che attraversa un dolore infinito senza catarsi o redenzione.

  • Non li ho visti ma mi sento comunque di segnalarvi: Miele di Valeria Golino, di cui tutti sostanzialmente si sono detti sorpresi per la riuscita più che positiva (Valeria, capiscici!); L’uomo coi pugni di ferro perché è una baracconata tale tra arti marziali, wuxia, gente che si mena, film coi pugni nelle mani, stereotipi sui cinesi e “spariamola più grossa” che almeno non lascerà indifferenti;Il Grande Gatsby perché indubbiamente è uno dei film su cui si concentrano le attese, perché sapete benissimo che ho un tallone d’Achille per le baracconate amorose di Luhrmann e perché è l’ennesima prova con cui Leonardo “Sad Leo” di Caprio ci prova *tantissimo* a vincere l’Oscar. Inoltre sembra fatto con uno sfregio di soldi, si dice abbia la colonna sonora più figa (o fighetta?) dell’anno ed è l’adattamento di un libro giusto un po’ cardine per gli Stati Uniti e il ‘900 letterario in generale. Se non bastasse, i pochi che lo hanno visto (in parte o tutto) non sono unanimi nel massacrarlo e dato i sospetti spostamenti da zona Oscar a zona estiva, è già un buon risultato.
  • Sì, lo so, dovrei aprire un ufficio stampa.
Annunci