Tag

,

3

LIST3

La conferma della grandezza e dell’intrinseca debolezza di Pixar, finalmente nel senso più lusinghiero che questo nome ha assunto negli anni. Conciliare le vocine nella testa con una storia di crescita per ragazzi a una strabiliante sequenza di puro compiacimento filosofico e cinematografico come quella del passaggio nella scorciatoia del pensiero astratto è pura poesia derivata dal modus operandi Pixar, che però sembra non riuscire mai a replicarsi a questi livelli se non richiamando quel nucleo di primi autori e registi. [RECE]

Se ti è piaciuto: Paddington, che si sarebbe meritato questa posizione in egual misura e che mi ha davvero tentato fino all’ultimo. L’ennesimo esempio di rara maestria in un 2015 che si è per fortuna rivelato ricco di tentativo di riportare in auge il grande cinema per ragazzi, il più profondo e veritiero di tutti.