Tag

,

7

LIST8Dato l’enorme ritardo con cui è arrivato questo film nel nostro Paese a uno passa anche la voglia di includerlo in vista di novità più allettanti, ma sarebbe un’ingiustizia, perché Calvary è innanzitutto un grande film d’autore, uno dei più belli che oggettivamente sia passato quest’anno in sala. La strepitosa performance di Brendan Gleeson rischia di oscurare gli enormi meriti di un film che affronta l’insondabile e l’esistenziale unendo a una dolorosa realtà quotidiana, quella degli abusi perpetrati dai preti cattolici in Irlanda, con una scrittura perfetta e una regia all’altezza della sfida. Un film che è riflesso della ricerca del Divino: doloroso ma necessario. [RECE]

Se ti è piaciuto: il filone della pedofilia nella chiesa cattolica quest’anno ha sbancato e ha regalato due delle più belle pellicole da me viste negli ultimi mesi in proiezione stampa, per cui voi dovrete pazientare ancora un po’: El Club e Spotlight.