Recensionando / La Bella e la Bestia

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

Con già una decina di remake live action del suo canone che hanno ottenuto la luce verde e che ci sorbiremo, volenti o nolenti, nei prossimi anni, Disney si può permettere di fare ciò che vuole. Tirar fuori un classico ancora amatissimo come La Bella e la Bestia, appiccarci sopra il nome di un’attrice di riferimento per la generazione post-potteriana sono mosse che sanno molto di rassicurazione per gli stake holder (o per chi attende i dividendi), per avere le spalle coperte e prendersi rischi altrove. Nel 2015 però una serie di nomi infallibili (Kennet Branagh e Colleen Atwood) e la volontà di rispettare e reinventare insieme un classico come Cenerentola aveva tirato fuori un film piacevole e fresco da quella che forse è la più datata e stantia delle principesse del reame Disney. Belle invece è la nerd del gruppo, che con la sua indipendenza e il suo amore per la lettura suggeriva possibilità più interessanti…se ci si fosse presi la briga di coglierle, ovvio.
Continua a leggere

Miscellanea / Missed but not Forgotten #2

Tag

, , , , , , , , , , , , ,

La rubrica aperiodica e ritardataria nell’anima in cui vi racconto brevemente i film che ho visto prima dell’uscita nelle sale italiane ma che non sono riuscita a recensire prima del loro approdo nelle stesse.
Hashtag suggerita #megliotardichemai.

In questa puntata parleremo di:

Jack Reacher
La Verità Negata
In Guerra Per Amore
Quel Bravo Ragazzo

Sing
Louise By The Shore
Il Medico di Campagna
Quando hai 17 anni
Lettere da Berlino

Continua a leggere

Recensionando / Logan

Tag

, , , , , , , , , , ,

logan_locandinaDopo 17 anni, 6 film in franchise e 2 tremendi spin-off, un Hugh Jackman più maturo e consapevole che mai ha avuto ragione della sua resistenza: l’attesa per Logan – The Volwerine è più che giustificata, dato che è di certo il miglior film supereroistico con l’attore australiano protagonista. Dalla parte della ragione e del merito c’è anche 20th Century FOX, che sta sfruttando al meglio i franchise Marvel che gestisce al di fuori dei Marvel Studios, che ultimamente si stanno dimostrando ben più incapace di rinnovare il filone e dire qualcosa di nuovo in merito.
Se il 2016 si è aperto con il tentativo riuscito di portare la scorrettezza di Deadpool su grande schermo, nel 2017 arriva un altro floridissimo filone dei comics al cinema: quello dell’eroe al canto del cigno, stanco, disilluso e rimasto solo a confrontarsi con i fantasmi del suo passato.  Continua a leggere

Recensionando / Rosso Istanbul e Omicidio all’Italiana

Tag

, , , , , , , , , , ,

Nonostante come critica vorrei somigliare al solido, rassicurante e paterno Ettore, purtroppo molti di voi si sono accorti del mio tallone d’Achille: il cinema italiano. Ebbene sì, soffro di una spesso non giustificabile insofferenza verso i prodotti italiani, un’alterigia che mi porta costantemente a perdermi le nostre migliori uscite dell’anno. Finisce sempre che recupero in tempo utile per parlarvene solo le maggiori uscite festivaliere e qualche tragico lungometraggio a cui ho dato una chance, pentendomene amaramente.rossoistanbul_4
A mia discolpa posso dirvi che sono uscita abbastanza provata dal pomeriggio di proiezioni stampa che mi hanno sottoposto in rapida successione alla visione delle due uscite tricolori della settimana: Omicidio all’Italiana di Maccio Capatonda e Rosso Istanbul e Ferzan Ozpetek.

 

Continua a leggere

Specialando / Oscars 2017, gif incluse!

Tag

, ,

Siete caldi, siete pronti? Ci siamo! Stanotte è la notte degli Oscar numero 89! Festeggiamo insieme con il classico postone di commento in diretta, dalla gallery del red carpet completissima fino all’ultimo premio, scritto quando hai già un piede nel letto e il sole è già sorto. Questo per chiedere sin da ora la vostra comprensione sulla forma grammaticale del suddetto, mentre sul contenuto sapete che posso dare di matto ed essere infodumping as shit nello stesso periodo.

oscar2017_ensemble

Chi tornerà a casa con la statuetta in mano? Chi citerà domani Vincenzo Mollica? Chi si commuoverà e chi perderà il foglietto del discorso e andrà nel panico? Ci saranno baci gay nel pubblico? Qualcuno inciamperà sui gradini? Le risposte le avremo tra poche ore, in uno show che per lunghezza e retorica può competere solo con Sanremo. E noi lo adoriamo per questo. Siete pronti? E allora diamo il via alla diretta sul blog!

[AGGIORNAMENTO COMPLETATO!] [I MIEI PRONOSTICI azzeccati 15 su 24]

Continua a leggere

Oscar 2017 / Recensioni, considerazioni e previsioni sulle categorie attoriali

Tag

, ,

Avete portato pazienza per due oceanici post dedicati a categorie all’insegna di gente più o meno sconosciuta in attesa di questo momento. Oggi tocca agli attori e alle attrici nominati! In attesa di vedere quali porteranno a casa la statuetta nel 2017, scateniamo rimostranze, analisi e becero gossip! Ecco i pronostici attoriali!

[Per consultare previsioni, speciali e reportage degli anni passati, Essential]

Continua a leggere

Oscar 2017 / Recensioni, considerazioni e previsioni sulle categorie tecniche

Tag

, , ,

In queste ore a Los Angeles si srotolano metri e metri di tappeto rosso su cui cammineranno attori e attrici famosissimi, registi blasonati e illustri sconosciuti che in realtà contribuiscono tanto quanto i colleghi davanti alla cinepresa e sotto le luci dei riflettori a realizzare i film come li conosciamo e amiamo: è il turno di brillare anche per le troupe e i cast tecnici.
Dunque è arrivato il momento di parlare un po’ delle categorie tecniche: da quelle meno chiacchierate note come visual (che impattano direttamente sulla componente visiva del film) a quelle di peso di sceneggiatura e regia. Chi vincerà gli Oscar tecnici e quale sarà il regista principe del 2016? Ecco i pronostici!
jimmyoscar2017

[Per consultare previsioni, speciali e reportage degli anni passati, Essential]

Continua a leggere

Recensionando / The Great Wall

Tag

, , , , , , , , , , ,

thegreatwall_locandinaMatt Damon e Pedro Pascal sono due mercenari europei del ‘500/600 alla ricerca del segreto della polvere da sparo che finiscono sull’antica Muraglia Cinese, difesa dall’Ordine dei Senza Nome dalla minaccia ciclica dei Taotie, alieni lucertolosi che puntano a nutrire la propria regina con gli abitanti della capitale cinese, per poi dare il via all’invasione del pianeta, ma dovranno fare i conti con l’immensa opera muraria e con un esercito con un color code di tonalità sature che manco gli abiti di Mia in La La Land. Alieni verdi lucertolosi arrivati a bordo di un asteroide verdastro per punire il gretto individualismo capitalista dei precedenti imperatori cinesi, giuro, e non è nemmeno il dettaglio più improbabile di The Great Wall, questa colossale epopea tra il fantastico, l’etico e il bellico con cui la Cina con grande franchezza e incredibile ingenuità tenta di assaltare il box office statunitense.
Continua a leggere

Oscar 2017 / Recensioni, considerazioni e previsioni su Miglior Film Straniero

Tag

, ,

Se la scelta di questa particolare categoria come primo di una ancora in fase di definizione (siate possibilisti e speranzosi) serie di speciali dedicati agli Oscar 2017 vi sorprende, significa che non eravate da queste parti negli anni passati (e vi consiglio di fare un giro nel grande archivio magico degli Oscar passati). I curiosi vogliono sapere chi vincerà miglior film, gli appassionati magari faranno le cinque di mattina per seguire la diretta, i maniaci si stamperanno le checklist e tenteranno di recuperare tutto il rilevante tra i nominati, ma i veri ossessionati (presente!) sanno che la categoria per eccellenza è Miglior Film In Lingua Straniera. oscar2017_1
Il perché è presto detto: è l’unica a rappresentare davvero tutta l’annata cinematografica mondiale, è la più difficile da indovinare e ha ben tre stadi (longlist, shortlist e serata finale) su cui spendere le ore a congetturare, tra pippe mentali, delicati calcoli geopolitici e teorie complottare. Seguono recensioni, consigli di visione, indignazione, analisi e ovviamente qualche previsione!

Continua a leggere

Recensionando / Jackie

Tag

, , , , , , , , , , , ,

jackie_locandinaCi sono registi che la sera vanno a dormire pensando della loro carriera “è tutto qui?”. Il giorno dopo si alzano, bevono un caffè e si rimettono a lavorare, pregando ardentemente il loro Dio di riuscire a realizzare nella propria carriera almeno un film al livello di Neruda o Jackie. Poi c’è Pablo Larraín, che questi due film biografici eccezionali, sull’orlo del capolavoro, li ha realizzati nel solo 2016. In un solo anno, lavorando all’interno di uno dei generi più attivi e in corso di evoluzione nel panorama cinematografico mondiale, il regista cileno più noto al mondo ha saputo regalare ai cinefili due pellicole diversissime, due risposte contrastanti al che spostano in avanti il confine del cinema contemporaneo e in alto l’asticella della qualità. Il fatto che nessuno dei due sia finito tra i nominati a miglior film di questo giro agli Oscar è l’esclusione più scandalosa, che certifica lo status di Pablo Larraín di regista autoriale più sottovalutato e trascurato al mondo. L’ho detto, sue me.

Continua a leggere