Recensionando / Ted 2

Tag

, , , , ,

ted2Stavolta sento di riuscire ad essere straordinariamente concisa nel parlarvi dell’uscita di punta della settimana, il sequel del successo (anche italiano) della scorsa estate. Torna Ted, il frutto comico e successo insperato del duo Mark Wahlberg e Seth MacFarlane (sceneggiatore, regista e voce dell’orsetto di pezza).
Sarebbe bellissimo se fosse una caustica metafora sugli effetti deleteri che la vicinanza a un tizio schizzato come Mark Wahlberg comporta, ma purtroppo è sempre solo il duo di cazzoni americani con i loro problemi lavorativi e sentimentali, che parla di pancia alla pancia degli Stati Uniti, con un politicamente scorretto che rivendica soddisfatto il basso e gretto della parte ignorante (e orgogliosa di esserlo) del Paese.
Avete visto il primo capitolo? Allora sapete già tutto il necessario.
Continua a leggere

Segnalando / Uscite Urania Luglio 2015 e uscite estive SFF

Tag

, , , , , , , , , , , , ,

Schermata 2015-06-25 a 15.25.50Urania 1620 – I ribelli e l’astronave di Mike Resnick 
Ci siamo. Tra pochi giorni comincerà Luglio, mese davvero caldissimo per i lettori abituali di Urania; loro ben sanno che tendenzialmente i titoli migliori si concentrano in queste settimane e in quelle agostane, quando le edicole presso il bagnasciuga attirano più bagnanti desiderosi di leggere un po’ sotto il sole. Mike Resnick sulla carta è una scelta perfetta, vincitore di cinque premi Hugo ed esponente di quella tipologia di scifi che mette d’accordo l’appassionato medio di Urania e il lettore occasionale che legge Urania e intende Guerre Stellari. Dalle quattro righe di trama gentilmente fornite della casa editrice estrapolo alcune parole chiave per farvi capire quanto ci sono andata vicina: “il governo della Repubblica”, “in guerra con la Federazione”, “l’astronave che ha già combattuto nei cieli più infuocati”. Chi non è nuovo ricorderà che di Resnick era già uscito a gennaio Astronave Mercenaria, ovvero terzo volume delle serie Starship. Così a occhio dopo questo Starship: Rebel (2008) ci toccherà l’ultimo volume e poi ce ne potremo dimenticare sperando in qualcosa di un filo più contemporaneo e meno convenzionale. Scusate eh, ma la military space opera sempre uguale a se stessa non esattamente my cup of tea, insomma.
Lo leggerò? No e sinceramente dall’uscita di Gennaio non mi è parso che nessuno -casi umani inclusi- si sia stracciato le vesti per un capolavoro incompreso. Come uscita però ci sta, è una proposta che in questo periodo cruciale per le vendite non può mancare. Prima che dica qualcosa di davvero compromettente (tipo: lo sapevate che di secondo nome Resnick fa Diamond?) passiamo al prossimo titolo.

Continua a leggere

Recensionando / The Lobster

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

lob1Atteso a Cannes come una delle pellicole più interessanti e bizzarre della competizione, The Lobster ha sicuramente raccolto un responso critico positivo, anche se non sono mancate voci scettiche e in particolare molte critiche sulla parte finale del film e la sua chiusura.
D’altronde dici Yorgos Lanthimos come sceneggiatore e regista, dici stranezze a pioggia, proprio sul limitare del territorio lynchiano.
Sulla carta però un mondo distopico in cui chi rimane da solo deve entrare in una struttura alberghiera e riuscire in 45 giorni a trovare la sua dolce metà, pena la trasformazione in un animale e la liberazione nei boschi circostanti è quel genere di stranezza di cui siamo affamati. Una scrittura così ricca ed evocativa da valergli il premio come miglior sceneggiatura, però si sa: chi di allegoria fiorisce, di allegoria tendenzialmente perisce.
Continua a leggere

Segnalando / Viaggio a Tokyo torna al cinema

Tag

, , , , , ,

tokyo5È sempre un po’ doloroso constatare come le sale cinematografiche oggi per sopravvivere debbano puntare più sulla nostalgia degli spettatori che sulla loro fame di novità. La pigrizia e l’avarizia spesso mascherate dietro la pretesa impossibile di avere tutto, bene e subito rendono più remunerativo puntare su vecchie pellicole che la gente può vedere a casa ma vuole rivedere in sala piuttosto che sulle nuove, amatissime, ma a patto di vederle dal divano e torrent di casa.
Un discorso a parte però merita la splendida iniziativa di Tucker Film che nel 2015 riporterà nei cinema italiani un mostro sacro del cinema giapponese e del Novecento: Ozu Yasujiro.
Sei film di uno dei nomi più noti ed amati della cinematografia giapponese torneranno nei nostri cinema nel corso del 2015, a partire dal più celebre e osannato, Viaggio a Tokyo. Un appuntamento imperdibile per i cinefili, gli estimatori del cinema giapponese e tutti gli amanti di una certa prospettiva sul Giappone e i suoi abitanti.

Continua a leggere

Recensionando / Inside Out

Tag

, , , , , , , , , , , ,

2 cannes inside outSe sono io la prima a dirvi che Inside Out, il nuovo film della temuta combo Disney Pixar, sì, ma anche il ritorno al timone dell’amato e celebrato sceneggiatore e regista Pete Docter, è un grandissimo film per cui si potrebbe spendere in futuro la parola che inizia con la c e finisce con apolavoro, potete fidarvi. Nel senso, se il metascore al 9,1 e l’ovazione eccezionale dopo il passaggio a Cannes (dove fuori concorso rischiano di essere passate le migliori pellicole del 2015) proprio non vi bastano.
Questo perché nel lontano 2009, anno in cui uscì Up – film successivamente acclamato con l’ultimo capolavoro di un epoca ormai perduta dello studio di animazione – io già storcevo il naso e facevo nonono con la testa, disprezzando la chiusura paracula di quel film.

Continua a leggere

Recensionando / Jurassic World

Tag

, , , , , , , , , , , , ,

Jw1La distanza temporale e intellettuale che abbiamo messo tra noi e gli anni ’90 ha consentito di iniziare a provare un senso di nostalgia e vago rispetto per il decennio che fino all’altro ieri era la brutta copia degli anni ’80. In attesa di farci venire i lacrimoni con gli ammiccamenti che adesso il cinema ci regala sul cotonato decennio precedente, in una Hollywood sempre più affamata d’idee vintage da rimettere a nuovo e meno paziente verso la naturale formazione di una stratificazione culturale che ci permetta di provare nostalgia per quello che non è più in superficie, siamo tornati a parlare di dinosauri.
Jurassic World è il ritorno estivo dell’usato sicuro: l’isola con i dinosauri che sono tornati dall’estinzione, quell’orizzonte immaginario che non sembra abbandonare mai i sogni delle generazioni che affrontano la cruciale prova di avere sette anni e sentire la maestra che ti illustra chi abitava la terra tanto, tanto tempo fa.

Continua a leggere

Recensionando / The Water Knife

Tag

, , , , , ,

lis4Tagliente. Perdonatemi l’ovvia associazione con il titolo del nuovo libro per adulti di Paolo Bacigalupi, The Water Knife, ma è davvero un’esperienza a fil di lama il ritorno dopo sei anni di silenzio e young adult di un autore SFF che con il suo esordio ha messo in chiaro tutto e lasciato dietro di sé poche soddisfazioni da togliersi. Mentre gli italiani scoprivano La ragazza meccanica grazie a Multiplayer edizioni, gli appassionati di SFF hanno avuto modo di incontrare l’autore, in tour promozionale per la penisola. Vi ho già raccontato dell’incontro, dove Bacigalupi ha parlato ampiamente anche di questo romanzo, uscito settimana scorsa a livello internazionale e che, almeno per ora, ha mancato quella reazione entusiasmante che decretò il successo del suo incredibile esordio. Risultato comprensibile ma che poco ha a che fare con la qualità davvero alta del romanzo.

Continua a leggere

Recensionando / Eisenstein in Messico

Tag

, , , , , , , , ,

1931: il regista sovietico Eisensteisenstein5ein ha sconvolto il mondo con i suoi primi tre fim, considerati autentici capolavori della nascente industria cinematografica. La sua fama è tale che gli viene concesso un visto per l’Occidente dal regime di Stalin e, percorrendo l’Europa e l’America, conosce tutte le grandi personalità del tempo, che lo lodano e acclamano.
Approdato in Messico, dove intende girare il suo nuovo film, Eisenstein trascorrerà dieci misteriosi, cruciali giorni a Guanajuato, che ne cambieranno irrevocabilmente l’arte, la fortuna e la vita.
Da sempre grande estimatore del regista russo, Peter Greenaway torna in piena forma con la prima parte di un dittico che è un’evidente, ardente omaggio di un estimatore alla mente e al cuore dietro la macchina da presa de La corazzata Potemkin  (lo cito giusto perché possiate espletare l’urgenza di rievocare la più trita delle citazioni prima del cut, così poi continuiamo senza intoppi). Ci siamo? Vai.

Continua a leggere

Recensionando / Fury

Tag

, , , , , , , , , , , ,

fury“Gli ideali sono pacifici, la storia è violenta”: lo dice un Brad Pitt protettivo e paterno a un Logan Lerman condannato dal suo volto adolescenziale ad essere l’incarnazione vivente della recluta ingenua da iniziare, mentre con il loro carro armato M4 Sherman s’inoltrano in una Germania nazista sull’orlo del tracollo ma fermamente intenzionata a uccidere nella caduta quanti più soldati alleati possibili. Fury è uno dei migliori film di guerra degli ultimi anni, un prodotto ispirato e convincente, anche se non memorabile o rivoluzionario come Zero Dark Thirty. A volte però può bastare il ritratto di quella violenza quotidiana, talvolta ingiustificata ma spesso inevitabile che percorre la storia nei suoi episodi di routine, tra i suoi ranghi minori, il cui ricordo rimane in vita solo finchè ci sono superstiti. Continua a leggere

Recensionando / Lumberjanes – Guardatevi dal sacro micio

Tag

, , , , , , , ,

lamberAmicizia al massimo! Un motto che è una piccola rivoluzione, almeno per i fumetti e più in generale i progetti editoriali declinati in chiave femminile. Sta tutta qui la forza di Lumberjanes, la sopresa di Boom!Studios, capace di conquistarsi in un paio di numeri la promozione da otto volumi a serie regolare, tutt’ora in corso.
Un successo non del tutto inaspettato ma nemmeno così scontato, nonostante il coinvolgimento di uno dei grandi nomi di Tumblr (che poi è il motivo per cui io ci sono arrivata, insieme al post entusiasta del sempre affidabile Yue), Noelle Stevenson. Si sa, se spunta Tumblr, presto o tardi arriva anche da queste parti.

Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 399 follower